Quali sono le opzioni per stabilirsi in India?

by Eurolinkgeie

Quando si stabiliscono in India, le società straniere devono scegliere la struttura societaria che meglio si adatta al loro ambito di attività e ai loro piani di investimento. In questo articolo presentiamo le opzioni di struttura più diffuse: ufficio di collegamento/rappresentanza, filiale, ufficio di progetto, società a responsabilità limitata, filiale interamente controllata e joint venture. Discutiamo brevemente i requisiti di ciascuna struttura e le procedure di costituzione. Per ulteriori informazioni e assistenza commerciale in India, potete contattarci via e-mail all’indirizzo italiandesk@dezshira.com.

Quando si stabiliscono in India, le aziende straniere devono scegliere la struttura societaria più adatta alle loro esigenze. La scelta della struttura societaria giusta aiuterà l’azienda ad affermarsi come attore forte nel mercato indiano e a trarre molti vantaggi anche di carattere finanziario.

Un investitore o una società straniera possono stabilirsi in India come entità non costituita in società o come entità costituita in società. Le entità non costituite permettono a una società straniera di fare affari in India stabilendo un ufficio di collegamento, una filiale, un ufficio di progetto o un trust. Un’entità costituita, come una società a responsabilità limitata, una joint venture o una filiale interamente controllata, è considerata un’entità legale separata ed ha un assetto più strutturato.

Ufficio di collegamento

Le società straniere possono aprire un ufficio di collegamento in India se desiderano espandere le proprie attività e interagire con i clienti indiani. L’ufficio di collegamento (o ufficio di rappresentanza), può solo fungere da facilitatore del business tra la società madre straniera e la società indiana, poiché non è autorizzato a condurre alcuna attività commerciale generatrice di reddito in India. Non potendo svolgere attività commerciali, di scambio o industriali, i costi operativi devono essere sostenuti dalla casa madre estera.

Le aziende straniere spesso utilizzano l’ufficio di collegamento per promuovere i loro servizi e prodotti, per promuovere le loro attività commerciali, fare rete ed esplorare il potenziale di mercato. L’ufficio di collegamento è istituito secondo le disposizioni della legge sulla gestione dei cambi, varata nel 1999 sotto la guida della Reserve Bank of India (RBI).

Caratteristiche di un ufficio di collegamento

  • Rappresentare la società madre estera
  • Svolge solo attività di collegamento
  • Si tratta di una “sede d’affari” (POB).
  • Può fornire informazioni sulle potenziali opportunità di mercato
  • Può fornire informazioni sull’azienda e sui prodotti che produce ai clienti indiani.
  • Promuovere le esportazioni e le importazioni tra i Paesi
  • Stabilire una cooperazione tecnica e finanziaria tra aziende straniere e indiane.
  • Facilitare la comunicazione tra la società madre e quella indiana.

Requisiti per la creazione di un ufficio di collegamento

  • L’azienda straniera deve essere operativa per almeno tre esercizi finanziari nel Paese d’origine.
  • La società straniera deve avere un patrimonio netto minimo di 50.000 dollari USA.
  • I richiedenti stranieri devono presentare l’ultimo bilancio certificato.
  • L’ultimo bilancio deve essere certificato da un commercialista o da un professionista iscritto all’albo.
  • I richiedenti stranieri devono essere in possesso della versione inglese dell’atto costitutivo/registrazione o dell’atto costitutivo e dello statuto.
  • Il COI/MOA e l’AOA devono essere legalizzati dall’ambasciata indiana o dall’autorità notarile del paese di registrazione.
  • La relazione della banca del richiedente nel paese ospitante deve indicare il numero di anni in cui il richiedente ha mantenuto relazioni bancarie con quella banca.

Procedura per la creazione dell’ufficio di collegamento

  • Ai sensi del Foreign Exchange Management Act (FEMA) del 1999, gli uffici di collegamento possono essere istituiti sia tramite la banca che tramite il governo.
  • I candidati stranieri dovranno verificare quale sia il percorso più adatto a loro.
  • I richiedenti stranieri dovranno presentare le loro domande nel modulo FNC attraverso l’AD di categoria I designato alla RBI.
  • Dopo l’approvazione, i richiedenti stranieri riceveranno un numero di identificazione unico (UIN).
  • I richiedenti stranieri devono inoltre ottenere un numero di conto permanente (PAN) per poter aprire l’ufficio.
  • Se i richiedenti stranieri non sono in grado di soddisfare i criteri richiesti, la società madre può presentare una lettera di conferma.

Filiale

Le società straniere possono aprire filiali che saranno responsabili dello svolgimento dell’attività di filiale per le proprie attività. Per stabilire questo tipo di struttura legale, è necessario seguire le disposizioni stabilite dalla RBI e dal Companies Act, 2013.

Le società straniere possono generare entrate dalla filiale indiana attraverso le attività consentite dalla Reserve Bank of India. La filiale richiede l’approvazione della RBI e una volta ottenuta può iniziare le sue attività.

La filiale indiana deve far fronte a tutte le sue spese attraverso le rimesse della sede centrale estera o attraverso i ricavi generati dall’attività indiana, come consentito dalla RBI. La filiale non può svolgere attività di produzione in proprio, ma può essere subappaltata a un produttore indiano. Inoltre, se una filiale opera in una Zona Economica Speciale (ZES), può intraprendere attività produttive e di servizio in settori con approvazione FDI al 100%.

Gli stranieri utilizzano le filiali per testare e comprendere il mercato indiano sotto il controllo della RBI. Tutte le attività commerciali devono essere approvate.

Le filiali sono autorizzate a svolgere le seguenti attività:

  • Esportazione/importazione di merci
  • Prestazione di servizi professionali o di consulenza
  • Svolgimento di lavori di ricerca in cui è impegnata la società madre
  • Promuovere collaborazioni tecniche o finanziarie tra società indiane e società madri o gruppi esteri.
  • Rappresentare la società madre in India e agire come agente di acquisto/vendita in India
  • Servizi di rendering nel campo dell’Information Technology e sviluppo di software in India
  • Fornire assistenza tecnica ai prodotti forniti dalle società madri/gruppo.
  • Rappresentanza di una compagnia aerea/di navigazione straniera

Alle filiali è vietato svolgere le seguenti attività:

  • Attività di commercio al dettaglio di qualsiasi tipo
  • Qualsiasi attività di produzione o lavorazione diretta o indiretta in India
  • Tutti i profitti ottenuti sono liberamente trasferibili dall’India, ma sono soggetti al pagamento delle imposte applicabili.

Le caratteristiche generali di una filiale includono:

  • Il nome della filiale indiana deve essere lo stesso della società madre.
  • L’organo di governo per la licenza di filiale sarà la Reserve Bank of India.
  • È adatto alle aziende straniere che cercano un ufficio temporaneo.
  • Tutte le spese dell’ufficio sono sostenute dalla sede centrale se non riceve entrate dalle operazioni in India.
  • Può aumentare la base di clienti dell’azienda straniera diffondendo la sua attività in diverse località.

Prerequisiti per la creazione di una filiale

Al fine di sanzionare le filiali di società estere, la RBI ha recentemente iniziato a considerare i seguenti criteri aggiuntivi:

  • Bilancio in attivo nei cinque anni finanziari immediatamente precedenti nel Paese d’origine
  • In base all’ultimo bilancio certificato da un commercialista, il patrimonio netto non deve essere inferiore a 100.000 dollari USA o al suo equivalente.

Requisiti per la creazione di una filiale

La filiale deve richiedere l’approvazione della RBI ai sensi delle disposizioni della FEMA. Deve presentare una copia dell’atto costitutivo o del MOA (Memorandum of Association) e dell’AOA (Articles of Association), insieme al bilancio certificato della società madre per gli ultimi tre anni. Deve inoltre ottenere un PAN e registrarsi presso il RoC attraverso il sito web del Ministero degli Affari Societari.

La RBI terrà conto della posizione finanziaria della società richiedente e dell’ambito di attività proposto. Le domande saranno presentate tramite il modulo FNC (Allegato 1) e saranno prese in considerazione secondo due modalità: la via della Reserve Bank e la via del governo. La via della Reserve Bank è prevista nel caso in cui l’attività principale dell’entità straniera rientri in settori in cui è consentito un investimento diretto estero (IDE) del 100 percento nell’ambito della via automatica. La via governativa è identica a quella della Reserve Bank, con l’unica differenza che le società richiedenti sono organizzazioni/organismi/dipartimenti non governativi e senza scopo di lucro.

Per ottenere l’approvazione da parte della RBI, le società richiedenti devono presentare la domanda attraverso il rivenditore autorizzato. Per rivenditore autorizzato si intendono le varie istituzioni che dispongono di licenze bancarie.

Per l’allestimento della filiale sono necessari i seguenti documenti:

  • Tre copie del modulo FNC
  • Lettera del funzionario principale della società madre alla RBI
  • Lettera di autorizzazione della casa madre a favore del rappresentante locale
  • Lettera di autorizzazione/risoluzione della società madre
  • Lettera di conferma della società madre che intende sostenere l’operazione in India.
  • Due copie della versione inglese dell’atto costitutivo, del memorandum e dello statuto della società madre, debitamente legalizzate dall’ambasciata indiana o dal notaio del paese di registrazione.
  • Certificato di costituzione tradotto e debitamente autenticato e certificato dal Consolato indiano.
  • L’ultimo bilancio certificato e i conti annuali della società madre debitamente tradotti e autenticati per gli ultimi tre anni e certificati dal Consolato indiano.
  • Nome, indirizzo, ID e-mail e numero di telefono della persona autorizzata nel paese d’origine.
  • I dettagli delle banche e del Paese di origine con il numero di conto bancario
  • Impegno da parte dell’organizzazione ad essere aperta a relazioni/pareri richiesti al proprio banchiere dal governo indiano/RBI.
  • Livello di finanziamento previsto per le operazioni in India
  • Dettagli relativi all’indirizzo dell’ufficio locale proposto, al numero di persone che potrebbero essere impiegate, al numero di stranieri tra tali dipendenti e all’indirizzo del capo dell’ufficio locale, se deciso
  • Brevi dettagli sulle attività svolte nel Paese d’origine e sui prodotti e servizi offerti dall’organizzazione richiedente.
  • Certificato di banchiere
  • Prova d’identità aggiornata di tutti gli amministratori, certificata dal Consolato e dal banchiere del paese d’origine.
  • Prova di indirizzo aggiornata di tutti gli amministratori, certificata dal Consolato e dalla Banca del paese d’origine.
  • Informazioni sulle persone/società che detengono più del 10 per cento del patrimonio netto
  • Struttura dell’organizzazione in relazione al modello di partecipazione azionaria
  • KYC completo degli azionisti che detengono più del 10% del capitale della società richiedente.
  • Risoluzione per l’apertura di un conto corrente bancario presso il banchiere
  • Modulo per l’apertura di un conto corrente bancario della Banca indiana, debitamente firmato.

Ufficio progetti

Un ufficio di progetto può essere istituito se una società straniera ha ricevuto un contratto da una società indiana per l’esecuzione di un progetto in India. L’ufficio viene istituito per un periodo di tempo limitato. 

Ad esempio, se una società straniera ha ricevuto un contratto per l’esecuzione di un progetto di infrastruttura o di installazione in India attraverso uffici di progetto regolarmente registrati presso la RBI e il Registrar of Companies (ROC).

La differenza tra un ufficio di progetto e un ufficio di collegamento è che gli uffici di progetto possono svolgere attività commerciali in relazione al progetto assegnato, mentre i progetti di collegamento non possono svolgere attività commerciali.

Criteri di ammissibilità

Le società straniere possono avviare uffici per l’esecuzione di progetti in India solo se hanno ricevuto un contratto in tal senso da una società indiana e se:

  • Il progetto è finanziato direttamente da una rimessa dall’estero.
  • Il progetto è stato approvato dall’autorità competente
  • Il progetto è finanziato da un’istituzione finanziaria internazionale.
  • La società indiana che si aggiudica l’appalto ha ottenuto un prestito da una banca o da un’altra istituzione finanziaria pubblica in India

Casi di eccezione:

  • L’approvazione della RBI viene concessa in consultazione con il governo indiano a quei soggetti residenti in Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka, Iran, Afghanistan, Cina, Macao o Hong-Kong che desiderano aprire uffici in Jammu & Kashmir, negli Stati del nord-est o nelle Isole Andamane e Nicobare. In tutti gli altri casi, le banche autorizzate di categoria I possono concedere l’approvazione.
  • Se un contratto stipulato da un ufficio progetti è stato assegnato dal Ministero della Difesa, le sue proposte relative al settore della difesa non richiederanno altre approvazioni da parte del governo indiano.

Requisiti per la creazione di un ufficio di progetto

Un ufficio di progetto può aprire in India conti in valuta estera non fruttiferi per le spese e i crediti. L’ufficio può mantenere sia un conto in valuta estera che in rupie indiane mentre opera in India. Al termine del progetto, l’ufficio di progetto può rimpatriare qualsiasi eccedenza di capitale una volta pagate tutte le imposte dovute e completata la revisione contabile finale.

Sono necessari circa 10 giorni per ricevere l’approvazione per l’ufficio del progetto. L’ufficio deve essere aperto entro sei mesi dalla data della lettera di approvazione. Se non viene aperto entro tale termine, la RBI può concedere una proroga di sei mesi.

Procedura per la creazione di un ufficio di progetto:

  • Presentazione delle domande nel modulo FNC
  • Presentazione di una copia dell’Atto costitutivo
  • Presentazione dell’ultimo bilancio certificato del paese d’origine
  • Presentazione di una relazione del banchiere del richiedente nel paese ospitante.

Termine per l’avvio di un’OP:

  • L’ufficio deve essere aperto entro sei mesi dalla data della lettera di approvazione.
  • Una proroga di sei mesi può essere concessa dalla banca AD di categoria I per motivi che esulano dal controllo della persona residente al di fuori dell’India; ogni ulteriore proroga sarà concessa dalla RBI.
  • La registrazione dell’OP richiede circa 15 giorni

Società a responsabilità limitata (LLP)

Una società a responsabilità limitata (LLP) è un incrocio ibrido tra una società di persone e una società di capitale (privata o pubblica). La LLP ha una responsabilità limitata per i suoi partner, come una società, e riceve benefici fiscali come una società di persone. In questa struttura, la responsabilità dei partner è limitata al loro contributo in capitale e offre flessibilità senza l’imposizione di requisiti legali dettagliati.

Da quando è stato approvato il Limited Liability Partnership Act nel 2008, la LLP si è evoluta fino a diventare un’entità commerciale molto diffusa in India. Si tratta di una entità legal tra le più utilizzate da molte piccole e medie imprese in India.

Anche gli investitori stranieri hanno iniziato a mostrare interesse per gli investimenti nella forma di SRL. Nel 2015, la politica sugli IDE è stata modificata in modo tale che gli investimenti in LLP nei settori che consentono il 100% di IDE (Investindi Diretti Esteri) attraverso la via automatica non richiedano l’approvazione del governo. Le società straniere possono effettuare qualsiasi investimento a valle in qualsiasi altra società o LLP operante in settori che consentono investimenti stranieri. Per investimenti a valle si intendono gli investimenti esteri indiretti effettuati da un’entità indiana controllata all’estero da un’altra LLP indiana mediante acquisizione o sottoscrizione di parte del capitale.

Tuttavia, gli investitori o le società del Bangladesh e del Pakistan possono investire in SRL solo nei settori che consentono gli IDE attraverso approvazione governativa.

Gli IDE in una LLP senza necessità di approvazione governativa sono soggetti alle seguenti condizioni:

  • L’LLP deve rientrare in un settore che non prevede condizioni di performance legate agli IDE, che si riferiscono a condizioni specifiche del settore per le aziende che ricevono investimenti esteri.
  • L’LLP dovrebbe essere in un settore che consente il 100 per cento di IDE.
  • Sono soddisfatte le condizioni previste dalla legge LLP del 2008

La forma ammissibile di IDE accettata dalle entità straniere comprende il loro investimento sia attraverso il contributo di capitale che il trasferimento di quote di profitto nella struttura del capitale della LLP. Gli investitori ammissibili includono tutte le persone/entità straniere, ad eccezione di:

  • Investitori esteri di portafoglio
  • Investitori istituzionali esteri
  • Investitori stranieri di capitale di rischio che sono stati registrati in conformità alle linee guida del Securities and Exchange Board of India (SEBI).

Ecco alcuni vantaggi della costituzione di una SRL:

  • Oltre alla registrazione presso il Ministero degli Affari Societari, per costituire una LLP in India è necessario seguire i seguenti passaggi:
  • Il processo è più semplice e meno costoso rispetto ad altri tipi di uffici. La tassa minima per la costituzione di una LLP è di 500 INR (7 USD) e la tassa massima è di 5.000 INR (70 USD), a seconda del contributo di capitale.
  • Non c’è obbligo di revisione dei conti a meno che il fatturato annuo non superi i 4 milioni di INR (55.750 dollari) o il contributo alla LLP superi i 2,5 milioni di INR (34.900 dollari).
  • Non esiste un requisito di capitale minimo per la registrazione di una LLP.
  • I soci non sono tenuti a pagare i debiti della società con il loro patrimonio personale.
  • I partner sono autorizzati a stipulare contratti al di fuori dell’India.

Requisiti per la costituzione di una LLP indiana

Il processo è il seguente:

  • Per registrare la LLP sono necessarie due persone, anche se non c’è un limite al numero di soci.
  • Ottenere un numero di identificazione del partner designato (DPIN) presentando il modulo elettronico DIR-3 attraverso il portale online del ministero.
  • Acquisizione del certificato di firma digitale (DSC) dei partner
  • Richiedere la registrazione del nome della LLP compilando il modulo 1.
  • Una volta approvato il nome (che deve essere unico), compilate online il Modulo 2 (Atto costitutivo e dichiarazione).
  • Un accordo iniziale LLP deve essere depositato entro 30 giorni dalla costituzione della LLP.

Dopo aver presentato i moduli e la documentazione richiesti, l’ufficiale di stato civile registrerà la LLP entro 14 giorni dal deposito del Modulo 2. La LLP deve essere registrata presso il RoC. Non c’è limite al numero massimo di soci, ma per costituire una LLP è necessario un minimo di due soci e almeno uno di essi deve essere residente in India.

È possibile convertire una società di persone esistente e una società privata o pubblica esistente in una LLP. La LLP deve inoltre ottenere un numero di conto corrente permanente (PAN). Una LLP è tassata al 30% del suo reddito totale. Se il reddito totale della LLP supera i 10 milioni di INR (140.000 dollari USA), viene applicata un’ulteriore sovrattassa del 12%. Inoltre, all’imposta sul reddito e alla sovrattassa applicabile si aggiunge la tassa sulla salute e sull’istruzione al tasso del quattro per cento.

Società interamente controllata (WOS)

Una filiale interamente controllata (WOS – Wholly Owned Sunsidiary) opera come un’entità giuridica indipendente il cui 100% di azioni ordinarie è di proprietà di un’altra società, la società madre. In altre parole, la società estera detiene il 100 percento del capitale sociale totale della filiale. La WOS può appartenere allo stesso settore della società madre o a un settore completamente diverso.

Per gli investitori stranieri, il WOS consente loro di avere il controllo sulle operazioni commerciali, di avere una responsabilità limitata e di vedere meno restrizioni sulle attività commerciali rispetto a un ufficio di collegamento o a un ufficio di progetto. Tuttavia, le attività devono essere conformi alla politica degli IDE.

Le società straniere possono costituire filiali interamente controllate sotto forma di società a responsabilità limitata nei settori in cui sono consentiti gli IDE al 100%.

Requisiti per la creazione di un WOS

Almeno due amministratori, di cui uno residente in India, devono essere nominati e registrati attraverso il sistema indiano di e-filing per il Director Identification Numbers (DIN). Per costituire una società a responsabilità limitata è necessario un capitale sociale autorizzato minimo di 100.000 INR (1.400 USD), due amministratori e due azionisti (che possono coincidere con gli amministratori).

Il seguente modulo, unitamente ai documenti richiesti, deve essere depositato presso il Ministero degli Affari Societari per la costituzione di un WOS in India:

  • SPICe+ per la costituzione della società

Una volta presentati i documenti, il RoC rilascerà un certificato di costituzione e un numero di identificazione aziendale. Sono necessarie circa quattro o cinque settimane per completare il processo. Il certificato di inizio attività deve essere ottenuto entro 180 giorni dalla costituzione della società, depositando il modulo INC 20A presso il RoC.

La WOS sarà soggetta alle imposte e alle leggi indiane come quelle applicabili alle altre società nazionali in India. In questa struttura, le società devono pagare l’imposta sul reddito delle società (CIT).

Joint Venture

Una joint venture è una partnership tra due o più società o individui, almeno uno dei quali indiano, che decidono di mettere insieme capitali o beni in un progetto unitario. Le joint venture in India sono molto diffuse nei settori che non prevedono il 100% di IDE.

Le joint venture offrono un rischio relativamente basso alle società straniere, a condizione che queste conducano una due diligence sui loro partner indiani. Una joint venture consente alle società straniere di utilizzare le reti esistenti dei loro partner indiani e, una volta tassate, possono rimettere i loro profitti indiani al di fuori del Paese.

Una JV può essere costituita con qualsiasi entità commerciale esistente in India.

Le joint venture societarie saranno inoltre soggette alle leggi fiscali del Paese, alla FEMA, alle leggi sul lavoro (come il Code on Wages Act del 2019, l’Industrial Disputes Act del 1947 e le leggi sui negozi e gli stabilimenti specifiche di ogni Stato), al Competition Act del 2002 e a varie leggi specifiche del settore.

Requisiti per la costituzione di una JV

Una volta selezionato un partner/un’azienda associata, le parti firmano un memorandum d’intesa (MoU) o una lettera d’intenti.

Un MoU e un accordo di joint venture/patto parasociale devono essere stipulati dopo aver consultato uno studio di commercialisti esperto in FEMA, Indian Income Tax Act, 1961; Companies Act, 2013; leggi internazionali e norme, regolamenti e procedure indiane applicabili.

I termini e le condizioni devono essere adeguatamente valutati prima della firma del contratto. L’impresa comune deve ottenere tutte le autorizzazioni e le licenze governative richieste entro un determinato periodo di tempo.

Le società straniere non hanno più bisogno di un certificato di non opposizione (NOC) da parte della consociata indiana per investire nel settore in cui opera la joint venture. Pertanto, le imprese straniere che fanno parte di joint venture esistenti possono operare in modo indipendente nello stesso settore di attività. In precedenza, era necessaria l’approvazione preventiva dei partner indiani.

Prima di firmare un contratto di joint venture, è necessario valutare adeguatamente i seguenti punti:

  • Legge applicabile
  • Schema di partecipazione azionaria
  • Composizione del consiglio di amministrazione
  • Comitato di gestione
  • Frequenza e sede delle riunioni del Consiglio di amministrazione
  • Assemblea generale e sede
  • Composizione del quorum per le decisioni importanti alla riunione del Consiglio di amministrazione
  • Trasferimento di azioni
  • Politica dei dividendi
  • Impiego di fondi in denaro o in natura
  • Cambio di controllo
  • Restrizione/proibizione all’assegnazione
  • Parametri di non concorrenza
  • Riservatezza
  • Indennità
  • Interruzione della situazione di stallo
  • Foro competente per la risoluzione delle controversie
  • Criteri di risoluzione e preavviso

L’articolo è stato aggiornato il 15/06/2022.

You may also like

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy