Serbia e COVID-19 – Nuove regole contro la diffusione del contagio

Home / News Europe / Serbia e COVID-19 – Nuove regole contro la diffusione del contagio
lug 10, 2020

Il Ministero del Lavoro ha approvato un nuovo regolamento, che entrerà in vigore da oggi (10/07/2020), per datori di lavoro e dipendenti il quale contiene le misure per prevenire la diffusione dell’epidemia da coronavirus. I datori di lavoro dovranno adottare il piano con le nuove misure entro il 10 agosto, in conformità con i regolamenti. 

Nel Regolamento si prescrivono le misure preventive che il datore di lavoro è tenuto ad applicare al fine di prevenire l’insorgenza e la diffusione di una malattia contagiosa e garantire un lavoro sicuro ai dipendenti nell’ambiente di lavoro.

Il regolamento si applica a tutti i luoghi di lavoro nell’ambiente in cui il lavoro viene eseguito, ad eccezione del lavoro esterno e del lavoro da casa.

Il datore di lavoro è tenuto ad adottare un piano per l’implementazione delle misure per prevenire l’insorgenza e la diffusione di un’epidemia da malattie infettive, che è parte integrante della valutazione del rischio in conformità con la legge e i regolamenti.

Inoltre, il datore di lavoro è tenuto ad armonizzare il piano di applicazione delle misure, a causa dei cambiamenti che incidono sul lavoro sicuro durante l’epidemia, in base alle decisioni dell’autorità competente.

Il piano dovrebbe contenere le misure preventive e le attività per prevenire lo scoppio di un’epidemia da malattia infettiva, e controllare l’attuazione di tali misure e attività preventive.

Il datore di lavoro è tenuto a garantire l’applicazione delle misure preventive in ogni luogo di lavoro, e in particolare a fornire istruzioni scritte e istruzioni sulle misure e procedure per prevenire l’insorgenza di una malattia infettiva, e dare informazioni sui sintomi di una malattia infettiva.

Quindi:

In base alle possibilità, se il lavoro a turni non è organizzato, ridistribuire l’orario di lavoro introducendo il secondo o il terzo turno con un numero inferiore di dipendenti.

Effettuare una migliore igiene e disinfezione dei locali di lavoro e ausiliari, che comprende una disinfezione regolare dei locali e una frequente ventilazione dell’area di lavoro.

Fornire ai dipendenti quantità sufficienti di sapone, asciugamani, acqua corrente e disinfettanti a base di alcool per il lavaggio delle mani, garantire una pulizia regolare di tutte le superfici che vengono frequentemente toccate sul posto di lavoro, in particolare locali e attrezzature come servizi igienici, maniglie delle porte, telefoni fissi, apparecchiature informatiche e altre attrezzature di lavoro, regolare le modalità di tenuta dei registri sulla disinfezione del lavoro e dei locali ausiliari.

Garantire dei rapporti sicuri con appaltatori, fornitori, distributori e collaboratori esterni, organizzare e garantire la rimozione regolare di rifiuti e immondizia (bidoni della spazzatura rivestiti con sacchetti di plastica) dai locali, in modo che possano essere svuotati senza contatto con il contenuto.

Il datore di lavoro è tenuto inoltre a garantire l’applicazione di misure preventive in caso di malattia infettiva nei suoi dipendenti, e in particolare a disinfettare e arieggiare regolarmente l’area in cui un dipendente infettato ha soggiornato, a rispettare le procedure per entrare ed uscire dai locali e altre misure di protezione durante il processo di lavoro.

È necessario definire con precisione le direzioni di movimento dei dipendenti attraverso gli ambienti di lavoro e i locali ausiliari, organizzare uno stretto controllo del movimento dei dipendenti dall’unità in cui lavorava il dipendente infetto, ridurre i contatti di questi con gli altri e mantenere le misure di protezione prescritte.